Eugene Shadko 113301.jpg
EUGENE SHADKO
I ritratti malinconici di Eugene Shadko presentano figure e volti spesso mascherati o distorti da striature di pittura. I suoi ritratti nascono da fotografie che scatta lui stesso, utilizzando un lampo abbagliante per conferire alle sue immagini di soggetti giovani e senza sorrisi un'estetica moderna che fa riferimento alle attuali tendenze dei social media. Shadko combina l'arte figurativa con l'astrazione, sovrapponendo pennellate particolarmente spesse di vibrante vernice arancione, rosa, blu e gialla sui toni neutri del grigio e pastello dei suoi soggetti per distorcere i loro lineamenti. La sua tecnica mista crea tensione tra la postura e le espressioni facciali dei modelli e le pennellate grossolane che li nascondono, sottolineando la dicotomia tra la figura e il loro ambiente. Il suo lavoro è esposto in tutta Europa